Il Museo


Il museo, inaugurato nell'aprile del 2002, ha potuto nascere grazie alla Fondazione Ruggero Leoncavallo, istituita nel 1999 dalla munifica mecenate baronessa Hildegarde von Münchhausen, e dall'interesse dimostrato dal comune di Brissago che ha messo a disposizione del museo tre locali nel maestoso palazzo barocco Branca-Baccalà.
Passando davanti alla statua del Rolando di Berlino, che ricorda una delle opere del Maestro, e al suo busto in bronzo, veniamo introdotti nel primo locale. Qui troviamo una completa biografia del musicista corredata di ritratti e fotografie. Qui si possono acquistare CD e note musicali e cartoline postali. Leoncavallo suonava il piano, che si trova oggi in questo locale.

Il secondo locale ospita l'esposizione documentaria. Ci sono le composizioni delle sue principali opere e operette. Tra queste Pagliacci", "I Medici, Chatterton, La Boheme, Zaza, Edipo Re... e La reginetta delle rose... Si tratta delle prime edizioni, alcune rarissime. Vi sono gli spartiti di alcune altre composizioni. Tra queste i poemi sinfonici La nuit de mai e Seraphitus Seraphita e alcune romanze da camera.

Il terzo locale offre al pubblico una ricostruzione della sala da studio di Leoncavallo, ricreata mediante il mobilio, il pianoforte "Erard Paris" del 1841 perfettamente restaurato e la libreria.